giovedì 9 novembre 2017

Fate/Zero: Recensione

  Titolo originale: Fate/Zero
Regia: Ei Aoki
Soggetto: Gen Urobuchi
Sceneggiatura: Akira Hiyama, Kazeharu Satou, Gen Urobuchi
Character Design: Takashi Takeuchi (originale)
Musiche: Yuki Kajiura
Studio: Ufotable
Formato: serie televisiva di 13 +13 episodi
Anni di trasmissione: 2011-2012


Presso gli animefan (prevalentemente otaku) di tutto il mondo, il franchise Type Moon è cosa ben nota. Il tutto nasce verso la fine degli anni novanta con la light novel Kara no Kyoukai di Kinoku Nasu, che grazie al successo del suo successivo lavoro di inizio anni duemila, il bel Tsukihime (altra novel prodotta in casa, inizialmente venduta nelle bancherelle dei Comiket), riesce a trovare i soldi per fondare la Type Moon con il compagno “illustratore” Takeshi Takeuchi. Il successo internazionale e la ricchezza tuttavia arrivano soltanto con Fate/stay night, che riprende l'idea di base di una delle serie di JoJo (personaggi che combattono invocando guerrieri che se le danno a loro volta), idea tra l'altro squisitamente shounen e ben lontana dai toni adulti delle due opere precedenti. Fate/stay night può essere definito come una sorta di “Battle Royale” all'ultimo sangue tra maghi che lottano per ottenere il Sacro Graal, oggetto magico in grado di esaudire ogni desiderio (forse). Al di là del fanservice, dei momenti slice-of-life noiosissimi (assenti nelle glorie passate), dell'imbarazzo che si prova nel vedere un Re Artù in versione ragazzina moe che si prende la prima cotta adolescenziale per un rosso malpelo cliché (tirando le somme Shirou è il tipico protagonista harem imbranato ma di buon cuore), il messaggio che vuole (dichiaratamente) trasmettere Nasu con la sua novel è quello della “conquista di sé stessi”, e questo tema viene riproposto in modo diverso in ognuna delle tre route dell'opera (ovvero le tre storie alternative che si sbloccano in base alle scelte del giocatore). In merito alla prima Nasu parla di un “sé come ideale”, in merito alla seconda “dei sacrifici che si compiono a causa di questo sé ideale” e in merito alla terza “dell'attrito tra ideale e reale” - tematica molto cara agli otaku di tutte le ere, ossia quei bambini che non riescono a far coincidere la loro dimensione idealistico-infantile con la grigia banalità della realtà adulta.
Il qui presente Fate/Zero è l'adattamento animato dei quattro romanzi scritti da Gen Urobuchi (sceneggiatore di Madoka Magica e Psycho-Pass) sotto la “supervisione” dell'autore originale, che fanno da prequel a Fate/stay night. Lo studio scelto da Type Moon per la realizzazione di questa serie, dopo la delusione J. C. Staff (“There is no Tsukihime anime”, scrivevano all'epoca gli otaku nelle board online), ricade nuovamente su Ufotable, che aveva già realizzato – con successo - i film di Kara no Kyoukai nel duemilatredici. 


Che cosa aspettarsi quindi da Fate/Zero? Chi conosce bene Urobuchi, ovvero un soggetto che dichiara che ogni volta che cerca di scrivere sull'amore riesce soltanto a trasformarlo in orrore, arrivando a chiedersi se esso si tratti di una sorta di “manifestazione della follia” (domanda più che lecita per alcuni), avrà già ben chiare in mente le atmosfere cupe, la mancanza di sentimenti, il cinismo e l'agrodolce alienazione postmoderna che caratterizzano le sue creazioni. Ma essendo Fate/Zero un'opera, appunto, otaku - come lo è anche Madoka Magica d'altronde - per quanto essa cerchi di prendersi sul serio, in alcuni frangenti risulta quasi sgradevole, dacché la sostanza è sempre e comunque quella di un'opera infantile, con personaggi infantili nell'animo, seppur adulti nell'apparenza. E se non è questo a stonare, allora si può parlare dello splatter, di quella violenza estetizzata che non riesce a diventare secca e realistica in quanto trattasi pur sempre di mero fanservice. Per non parlare poi delle situazioni raccapriccianti, tipo quella frustrazione nei confronti della figura paterna che da sempre permea le opere di Nasu: quel complesso di Edipo che da Tomino in poi diventerà lo specchio animato di un reale divario/conflitto generazionale mai risolto - nemmeno in occidente. In Fate/Zero, uccidere il padre - o quantomeno soccombere alla sua cattiveria e perversione - è un fatto all'ordine del giorno. A fare da testimonianza al contesto nel quale Fate/Zero viene concepito, coloro i quali uccidono i loro padri (o vi soccombono) non sono poi così migliori di questi ultimi: c'è chi uccide addirittura i propri cari ergendosi a paladino dell'umanità, convinto che ottenendo il Graal riuscirà a fermare tutte le guerre; chi è talmente vuoto dentro che uccide per darsi delle risposte su sé stesso che mai arriveranno; chi combatte per salvare una bambina che lo considera una nullità, rendendosi ridicolo, odiando sé stesso e infamando il suo stesso corpo, oltretutto lasciando che venga divorato dagli insetti... ecco, proprio come fanno notare gli autori dell'opera, in questo ultimo caso si può parlare addirittura di chunibyo:

«I personaggi di Fate/Zero sono tutti abbastanza vecchi, quindi combattono per i loro fermi ideali. Tuttavia, tra di essi, Matou Kariya, che combatte per la libertà di Sakura, è un'anomalia. Lui, e solo lui, combatte per un ideale veramente da manga shounen, ovvero “salvare una ragazza”. […]
Kariya è una sorta di eroe Chunibyo della storia. [...]»
«E' un disagio che invoca la morte. Dato che ha il disagio del Chunibyo, lui lascia che i vermi entrino nel suo corpo, fino a quando gli rimane soltanto un mese di vita.» [Nasu, Takeuchi e Urobochi su Fate/Zero]

«La maggiorparte degli otaku giapponesi si ripugnano, e questo li induce a ripugnare anche i loro simili. Pertanto, quando gli otaku giapponesi si incontrano, non necessariamente si piacciono a vicenda, e non necessariamente si trattano bene.» [Urobuchi]


La “ripugnanza” otaku/chunibyo di Matou Kariya è la stessa ripugnanza che trasmette il serial killer di bambini (anche lui avrà la stessa età di Matou, pertanto non è ancora “vecchio”) che a sua insaputa invoca nientepopodimenoche Gilles des Rais partecipando così alla “Grail War” senza manco sapere cosa essa sia (tanto il suo intento primario è quello di uccidere bambini, ovviamente senza mai tradire, allo stesso modo di chi è frustrato dalla presenza di una figura paterna in carne ed ossa, un complesso nei confronti di un Dio padre cattivo che si diverte nel creare il Male). In qualche modo, il “ripugnante” è sempre associato a una dimensione infantile, di gioco macabro, proprio come accadeva altresì in Madoka Magica. L'infanzia portata a forza nell'adultità produce mostri. Inutile dire che la regia non condanna tali fenomeni, ma li mette allo stesso livello della “ripugnanza” di quelli che dovrebbero essere gli adulti, ma che invero rimangono bambini pure loro, seppur in modo “datato”, prigionieri dei loro ingenui ideali preconfezionati (un nome a caso: Kiritsugu).


Ciò detto, è mirabile che questa volta Saber/Artù diventi, contrariamente alla sua controparte di Fate/stay night, un personaggio ben caratterizzato, dalla psicologia definita e coerente, e non un'algida adolescente alla prima esperienza amorosa. A detta stessa degli autori, in Fate/Zero la realizzazione dei servant (ovvero gli spiriti eroici del passato invocati dai maghi in lotta tra loro) è stata molto più libera e fantasiosa che ispirata alla realtà; ma va bene lo stesso, l'importante è la sostanza. Ciò detto, purtroppo Gilgamesh si rivela un mero bishounen arrogante costruito apposta per fujoshi e otaku (ha l'armatura d'oro stile Saint e una spada che sembra quasi un vibratore), e non il Re/dio dell'omonima epopea- il testo religioso più antico mai pervenuto a noi -, quel Gilgamesh affranto dal volto della morte che si recava da Noè dopo aver pianto per l'amico Enkidu. Invece, tornando ai miti della Britannia, la furia di un lancillotto in “berserk mode” assume un fascino innegabile, così come la vicenda di un redivivo Diarmuid Ua Duibhne che, quasi come s'egli fosse un tragico greco, si ritrova braccato dalle stesse circostanze del passato, quasi come si si trattasse di una punizione divina del karma. Ottimo anche Kiritsugu, che - nonostante quanto detto in precedenza - con le sue tecniche di guerriglia, il suo sguardo spento e il suo cinismo e la sua sigaretta, disintegra il suo “successore” - il trascurabile rosso malpelo di Fate/stay night. Dolcissima Irisviel, la sua moglie-giocattolo-bambola (in fondo lui è la metafora di un otaku, no?), che lo ama ingenuamente e candidamente, nonostante tutto, come se niente fosse, anche nel peggio. Il compito della suddetta, tuttavia, per gli autori rimane quello di fare da interfaccia tra Saber/Artù e Kiritsugu, servant e master che nella novel si rifiutano di parlarsi a vicenda per via delle loro vedute divergenti (si pensi al più importante dialogo – grazie a Irisviel nell'anime si parlano, sebbene poche volte - tra i due, nel quale l'uno sostiene che il campo di battaglia sia una cosa sacra e l'altro, che ne è rimasto traumatizzato, un inferno - ed ergo vorrebbe un mondo senza guerre, come nelle favole. 

 
Molto ambizioso e altezzoso, nonostante qualche sbavatura Fate/Zero è certamente ben realizzato - animazioni superbe, dialoghi prolissi ma curati. Fortunatamente, non si rivela soltanto un giocattolo sul quale costruire tediosi castelli nerd su chi sia il servant più forte o sul fatto che la serie si tratti altresì di un complemento ai fatti di Heaven's Feel, la route della novel di Fate/stay night incentrata su Sakura, insignificante gatta morta che per ovvi motivi piace tanto agli otaku. Ci si può anche fermare a riflettere su di un Alessandro Magno in versione barbuta e bonacciona, che nel suo momento peggiore si accorge di aver seguito, al pari della Saber/Artù che disprezza, un ideale illusorio, un ideale che messo più a fuoco assume i connotati di un desiderio di comprensione di un ignoto da sempre irraggiungibile per l'uomo (la metaforica corsa verso l'Okeanos). Gli spiriti eroici, certamente più interessanti dei loro padroni, rappresentano l'umanità atavica che viene trasportata in un contesto “vuoto” qual'è quello postmoderno, per poi ritrovarvisi spiazzata e allo stesso tempo impotente nelle sue ingenuità (anche l'arroganza altezzosa di Gilgamesh fa un po' ridere in un contesto come quello attuale). Perché nonostante tutto il servant è dipendente tanto dal suo padrone - che spesso sarà un individuo insignificante o un bambino-adulto -, quanto dal nuovo contesto in cui si trova. Forse, in modo involontario, Fate/Zero ci mostra la disarmante ineluttabilità della fine delle grandi narrazioni, quali erano quelle di un Artù o di un Alessandro Magno – ma volendo anche di un insensatissimo e folle Gilles des Rais, con la sua adorazione spasmodica per la purezza di Giovanna d'Arco, per quell'ideale di superiorità, grazia e bellezza che gli trasmetteva. Quando di harmonia praestabilita si poteva ancora parlare, ovviamente. 


Il tutto si risolve nel peggiore dei modi, con un finale nichilista, in quanto il nichilismo è l'unico vero passo successivo alla morte delle ideologie. I bambini vengono traditi dai loro giocattoli e i desideri si rivelano chimere, sopratutto se desideri di onore, potere o follia. L'umanità del passato fallisce quanto quella del presente: il problema intrinseco è l'impotenza dell'uomo in quanto tale, e la soverchiante stretta della natura e del fato – sempre se ne esista uno. A poco servono magie, maghi, fantasie, armi, parole, sentimenti, gloria e illusioni. Ciò che resta alla fine è il feroce incendio che dal cielo porta via tutto con sé, incurante delle urla e del pianto. Alle nuove generazioni, annebbiate dal sonno e dalla confusione, spetta portare tale fardello, rievocando il ricordo della catastrofe.

Bibliografia

http://www.animenewsnetwork.com/interview/2011-10-21/interview-fate-zero-screenwriter-gen-urobuchi

http://tsukikan.com/misc/fate-zero-director-aoki-ei-one-on-one-interview.html

http://tsukikan.com/misc/nasu-kinoko-takeuchi-takashi-urobuchi-gen-special-forum.html

http://www.sutoraikuanime.com/2012/04/sutoraikuanime-exclusive-interview-with.html

https://comipress.com/article/2006/06/30/386.html

http://www.studio-shaft.fr/interview-de-gen-urobuchi-a-lepitanime-2013/







6 commenti:

  1. Hai ragione, la serie è ben realizzata e tutto ma il problema è a monte: l'essenza otaku-oriented che alberga nei suoi creatori.
    Per questo ogni scelta tecnica e non è decisamente destinata a piacere tale, enorme, fetta di pubblico, piuttosto che essere utile alla storia.
    Come sempre offri una critica ed analisi a tutto piano, "bentornato", Aki!

    RispondiElimina
  2. Grazie per il commento Tex! A presto.

    RispondiElimina
  3. Recensione fantastica e molto curata. Davvero i miei complimenti. Sono un grandissimo fan e amante delle opere type-moon, ma Fate/Zero è stato qualcosa di davvero deludente per me. Al contrario, ho adorato e adoro tutt'oggi Tsukihime e Melty Blood, i quali per me sono connubio perfetto di tutto ciò che Nasu nella sua scrittura vuole portare, o almeno, voleva. Siccome stiamo parlando di opere di più di 15 anni fa...Oramai lui come autore è invecchiato e così il suo stile, basti vedere opere come Fate/Extella, dalla trama intrigante che diviene un connubio triste di steorotipi da Anime per ragazzini con classico happy ending tiratissimo e mega trasformazioni sbrilluccicose. Per tanto, attendo vivamente l'uscita di Tsukihime Remake, sperando possa gettare meritata attenzione ad Arcueid e company, decisamente più caratterizzate e valorizzate delle loro colleghe di Fate/Stay Night. Comunque, evitando divergenze di troppo, mi congratulo di nuovo vivamente con il recensore per la qualità dell'analisi. In bocca al lupo ragazzi, vi siete appena fatti un nuovo lettore.

    RispondiElimina
  4. Ciao Andrea, grazie per il bel commento. Penso che Tsukihime, proprio come KnK, sia così bello perché venuto fuori in un contesto diverso da quello dell'oggidì, in cui gli otaku facevano ancora "arte", o comunque opere dotate di un certo mood e di una profondità diversa da quella attuale. Sembra proprio che più si vada avanti, più ci si lobotomizzi, se mi concedi il termine. Negli anni novanta/inizio duemila a parer mio c'era più coscienza, più consapevolezza di certe cose, ma anche una certa ambizione, una certa voglia di "sfondare". Infatti Tsukihime dalle bancarelle dei Komiket è diventato a suo modo un classico nel suo genere.

    PS: Stiamo ben lontani dal remake, il chara già mi sa di flop.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesco, grazie per la risposta. Il tuo accennare al character design mi ha fatto tornare in mente la realtà: Ovvero il voler rendere da parte della Type-Moon tutte le eroine di Tsukihime delle blande Waifu Material noiose e prive di mordente...Le hanno anche disegnate tutte con la famosa ''Saber Face''. Non ti voglio dire il mio avvilimento quando, vedendo gli artwork del remake, diedi uno sguardo al nuovo look di Ciel. Il mio personaggio preferito di Tsukihime, di tutto il Nasu-verse e in generale degli anime rovinato così malamente, con un aspetto decisamente inappropiato per lei e quella odiosa Saber-Face monotona priva di vita. Rimpiango i bellissimi e unici design presenti sul buon vecchio Melty Blood, dove lì ogni personaggio era veramente unico in tutto!
      Sempre su Tsukihime, per me come titolo avrà sempre un posto nel mio cuore in quanto, oltre al suo stile incredibile, risulta esser stato per me un incredibile aiuto in un periodo abbastanza triste della mia vita relativamente di poco tempo fa. Nei suoi vari personaggi infatti ho trovato dei veri e propri amici, che interagivano in maniera perfetta col protagonista Shiki, che era afflitto anche da problemi e pensieri non tanto lontani dai miei di quel periodo. Insomma, per me è stato un fulmine a ciel sereno e una vera svolta nella mia vita.

      Speriamo comunque che la TM si dia una svegliata, anche se la vedo veramente dura: Oramai concentra tutta se stessa su Fate/Grand Order e su altri progetti minori abbastanza scialbi, come la serie Extella, che ora detesto. Dove sono i buon vecchi Fate/EXTRA ed EXTRA CCC, quei due piccoli capolavori per PSP che sono riusciti a divertirmi per ore e ore? Per non parlare di Fate/Unlimited Codes, ne servirebbe veramente un secondo capitolo, in quanto è per me un gioiellino dei fighting game e un bellissimo tributo a Fate.

      Elimina
  5. "Shiki, che era afflitto anche da problemi e pensieri non tanto lontani dai miei di quel periodo."

    La cosa, sebbene nel male, è altamente positiva. Tu avevi una vita che ti faceva soffrire e Shiki era un personaggio credibile. C'era qualcosa di vero, sia nella tua vita che nell'opera che te l'ha cambiata (se leggi la mia recensione di Tsukihime capirai che anche nel mio caso fa un po' parte della mia vita, del mio "mood" interiore, fin dall'adolescenza).

    Il problema è che adesso le vite sono diventate finte, il dolore è stato soppresso dalla lobotomizzazione collettiva (vedi dossier sul postmoderno) turbo liberista ecc. E le opere rispecchiano tutto ciò, senza lasciare nulla. Ancora peggio quando le opere del passato, con tutta la loro dose di "verità nella finzione", vengono piegate a questa regola. Ecco perché i remake sono sbagliati. E decontestualizzanti.

    RispondiElimina