mercoledì 13 gennaio 2021

Incel e redpills: una metastasi della postmodernità


 Ormai sono un po' un luogo comune, queste terminologie. Tipo Incel, Chad e Simp. A partire dal 2018, sul 4chan iniziarono ad apparire meme più specifici: il Doomer, il Boomer, lo Zoomer, il Coomer e similari. 

In particolare, nel web, c'è tutta una particolare comunità sulla cosiddetta "redpill": la pillola rossa di Matrix, quella che ti fa vedere la verità.  In questo caso, la verità tra i rapporti uomo/donna: secondo questa redpill, essi sarebbero guidati dall'indice LMS di un uomo: Look, Money, Status. Un uomo, per "scopare", come dicono loro, deve essere figo, avere soldi e status. Il resto sarebbero vani romanticismi inesistenti nel mondo reale: le spregevoli bluepill. Qualcosa di nuovo sotto il sole? Non saprei. La cosa certa è che la donna, dico dagli Incel, ossia i celibi involontari, viene descritta come un "mostro" biologico tendente a selezionare i Chad (ossia i fighi) e a scartare i poveri nerd sfigati. A parer mio un fondamento biologico sicuramente c'è: il maschio non è che sia così indispensabile alla donna, la quale, dovendo dare la vita, è più forte, resistente e sessualmente potente dell'uomo, il quale è oggetto di selezione (inconscia) in base alle sue capacità di protettore. In alcune specie animali, come ad esempio la Vedova Nera, esempio utilizzato altresì da Schopenauer, il maschio è talmente superfluo che viene ucciso dopo l'accoppiamento. Tutto questo perché la natura, mediante le sue leggi, ha deciso così. Perché quindi tutta questa frustrazione? La Natura ha anche deciso di far invecchiare le nostre cellule in modo tale da condurci alla morte. I più forti sopravvivono (e possono quindi riprodursi) a discapito dei più deboli. Quindi che c'è da stupirsi o arrabbiarsi? Darwin e Leopardi sono materiale da scuola media. Ma andiamo per ordine.

La società dell'oggidì. La femminilizzazione e simulacrizzazione non sono casuali. 
 

 Tutti ricorderanno le ragazze cool del liceo, dietro alle quali tutti sbavavano. Loro andavano con i "truzzi", i "tamarri", quelli belli e alla moda. E le povere nerdine dolci, femminili, magari bullizzate, magari trattate male per via della loro timidezza? Anche loro erano mostri assassini? La verità è che questi incel vogliono la modella, la figa della scuola, volendo anche una lolita/cosplayer, e "scoparla" sottraendola a questi spregevoli Chad (dei quali personalmente non me ne è mai fregato nulla). Ma non ci riescono. C'è tutto un immaginario postmoderno di mezzo: la rabbia nasce dal non poter "scoparsi" la figa del liceo, e questa cosa viene portata nell'età adulta, in cui si ragiona ancora con la testa di ragazzini (chissà perché la maggiorparte delle serie anime moderne - per adulti, fascia serale - sono anacronisticamente ambientate nella scuola). La verità è che la figa del liceo è lo standard sociale prestabilito, passato dai media e dai social come l'unico tipo di femmina idonea all'accoppiamento (la stessa cosa vale anche per l'uomo: si potrebbe ad esempio dire che la Ferragni e Fedez, che tra l'altro paiono ancora dei liceali, siano i modelli da seguire per potersi accoppiare). Nel mondo underground dei club per nerd e delle fiere del fumetto è simile: a furia di leggere manga, si vuole per forza la cosplayer che si metta un plug dove non tocca mai la luce del sole per soddisfare certe perversioni sessuali (magari alimentate da tonnellate di hentai e porno). I metallari, poi, manco a parlarne, hanno la tizia gotica da fumetto americano come standard di bellezza (un vero metallaro non è un figo se non va con magrissime e cupissime goth girls tutte tatuate e con i capelli blu).

Il Chad. Di solito questa figura viene ridicolizzata dagli Incel, che invero rosicano perché lui ha rapporti sessuali mentre loro no. Nelle caption di questa figura viene evidenziato l'egoismo del personaggio, come se l'egoismo e l'incapacità di comprendere gli altri non siano comuni a tutti gli attori postmoderni, Incel inclusi.

Mi ricordo una volta di aver letto un articolo di un Incel che rosicava del fatto che una bellissima sedicenne, che lo aveva fatto andare fuori di testa, si fosse accoppiata con un Chad e non con lui.  A parer mio, dietro a questo desiderio lolicon vi è altresì la necessità di recuperare, in modo anacronistico, ciò di cui si crede di aver avuto diritto in passato, ossia un amore puro, giovanile, spontaneo, magico, indimenticabile. Ossia una bluepill, e qui sta la contraddizione. Perché il Chad ha avuto la bluepill, l'Incel no. E quindi bisogna creare il concetto di redpill per sublimare la frustrazione. Tutto questo rimpianto di una cosa che non ci sarà mai più, in un mondo senza Storia e senza Futuro, lascia l'amaro in bocca: infatti gli Incel sono arrivati anche a commettere atti terroristici in nome della redpill. Se una volta si compivano efferati assassinii in nome del comunismo o del fascismo, nell'oggidì si compiono per delle cosplayer o delle fighette della scuola (il Giappone, come sempre, in merito a queste cose è avanti di qualche anno rispetto a noi).

Nostalgia di cose mai accadute o di un futuro che mai accadrà: un malinconico loop di Vapowave a tema. 
 

La verità è che l'amore è una cosa che non si può, o quantomeno non si dovrebbe, classificare. Io, che l'ho provato veramente (e non sono un Chad ), conosco bene il mistero dell'innamoramento. Quello che provai per la mia ex ragazza, subito, lì, nell'attimo in cui la conobbi, non saprei esprimerlo a parole. Era stato come i gigli dei campi in fiore: non lavoravano né filavano (cit.). Quindi quanta tristezza che mi fanno i corsi per "imparare a rimorchiare". I tecnicismi efferati volti a insegnare ai poveri Incel come si fa a scoparsi una ragazza carina. E se non vanno bene pazienza, bambola gonfiabile o Idol virtuale con tanto di vagina-cavo USB. E dall'altro lato, se i maschi sono ossessionati dal porno, le ragazze sedano il loro bisogno di essere attraenti con i like su Tinder o Instagram, che le portano in una dimensione immaginaria completamente distaccata dalla realtà: una realtà fatta di sforzi, sacrifici, sopportazione reciproca e compromessi per il bene comune (e quindi sì, anche le ragazze, alla pari dei ragazzi, non sanno come si gestisce una vera relazione). Ma tanto esser soli è figo, e al limite ci si può comprare un cane, che allo stesso modo delle bambole, non è in grado né di giudicare né di replicare. Né di litigare, né di esprimere bisogni o desideri che non siano di mangiare, giocare e cacare (e spesso la merda lasciata dai cani per i marciapiedi non viene neanche raccolta). Il cane (ovviamente rinchiuso in un monolocale di 30 mq) è la panacea della nostra epoca. Me lo disse una volta un amico: "ti senti solo? Compra un cane!" Problem solved.

 

 Doomer boy e Doomer girl. Per i redpillati la Doomer girl non esiste, dato che la donna per forza di cose non può essere sola, disillusa, depressa e infelice. 

Un discorso più importante riguarda i meme del 4chan, dato che la questione redpill è roba per ragazzini (niente e nessuno obbliga i maschi a diventare "Beta Provider" infelici e cornuti, basta semplicemente imparare a stare da soli senza lamentarsi e senza sbavare dietro alle idol di Instagram). Il primo che mi viene in mente è quello del Doomer, ossia di un disadattato incapace di costruirsi una vita, un giovane tagliato fuori sia dal mondo lavorativo che sociale perché rimasto chiuso nella sua negatività semi-idealistica (in pratica "il mondo fa schifo e io lo capisco, quindi vaffanculo"). Penso che il Doomer sia un prodotto tipico della mia generazione (nati all'inizio degli anni novanta), ossia hip-hop (non Fabri Fibra ma quello in cui si moriva ammazzati, si pensi all'assassinio di The Notorius Big), Torri Gemelle, Evangelion, informatizzazione della vita (da piccoli non avevamo internet e abbiamo assistito al suo prender piede nel tessuto sociale). 

Di solito il Doomer si ritrova tagliato fuori quando la fidanzata storica, conosciuta al liceo o durante il periodo universitario, lo lascia (innumerevoli i video meme su Youtube in cui un Doomer si deprime con la paraprostituzione di Tinder ). Oppure quando si stufa di fare lavori precari e sottopagati per i Boomer, ossia gli anziani cresciuti col boom settantino/ottantino, i quali ora come ora detengono il potere economico e sociale. Il Doomer è No Surprises dei Radiohead, è Decades dei Joy Division. La soluzione per lui, in base  a questo linguaggio dei meme, è diventare Bloomer, ossia una persona che sa che il mondo è una merda (ergo, contariamente al Boomer, il Bloomer è consapevole di come sia il mondo di oggi), ma vive comunque la vita con distacco, consapevolezza e positività. Un esempio di comunità online rivolta ai Bloomer è NoFap, nella quale i membri rinunciano completamente al porno e alla masturbazione compulsiva - il cosiddetto Coomer, da cum, un individuo affetto da OCD da materiale pornografico - per poi andare a fare escursioni, sport o altre cose individuali proattive e salutari.

Lo Zoomer, dalla board del 4ch. 
 

Poi c'è lo Zoomer (da generazione Z), che è un millennial nato nei late 90s, ossia con Internet. Lo Zoomer è molto attento ai temi ambientali, tipo Greta Thunberg, e a sua volta definisce coloro i quali sono nati all'inizio degli anni ottanta/novanta come Boomer, credendoli privilegiati e meno consapevoli di lui (poveri illusi/e). Essendosi formato nel liquido amniotico del web (e quindi dei social), lo Zoomer è il prototipo dei ragazzini nati nei 00s, ossia Tik Tok, Facebook, Instagram, gaming online etc.  La verità è che la autodecantata consapevolezza degli Zoomer, a mio modo di vedere le cose, è falsata dalla loro natura completamente "digitale". L'ambientalismo, il complottismo, l'ipersessualismo sono le solite metastasi postmoderne vissute all'interno di una bolla priva di vera consapevolezza del mondo reale.

Il cosiddetto Simp (da She Is My Princess ) è un Incel Zoomer il quale, cresciuto a eroge e fumetti e incapace di procacciarsi una compagna, finisce per idealizzare la figura femminile, credendo che le Net Girl su Onlyfans - alle quali gira buona parte del proprio stipendio via PayPal - siano delle salvifiche Kannon da adorare. Guai però se tali Net Girl si fidanzano: i Simp potrebbero prendere la cosa molto malamente (questa cosa mi ricorda molto l'atteggiamento dei maniaci otaku verso le Idol giapponesi, già documentato con largo anticipo nel Perfect Blue di Kon Satoshi).

Simp e Net Girl sono sconvolti da una coppia Bloomer/dotata di valori del passato. 
 

Ma perché si è arrivati a definire tutti questi stereotipi? Perché credo che in qualche modo, la saturazione della nostra società stia diventando sempre più evidente e sofferta, almeno da un gruppo di persone più consapevoli di altre. Da qui i vari gruppi NoFap, la figura del Bloomer, gli improvvisati psicologi di Youtube etc. (Si pensi al CEO di Twitter, che praticamente vive in una baracca sperduta nel nulla come un barbone). Di mio, penso che la situazione sia tragica sia per i maschi che per le femmine, anche se queste ultime molto probabilmente ne hanno meno consapevolezza, dato che ormai sono venerate dai mass media mediante un femminismo ipocrita che non fa altro che ridurle a simulacri di maschi frustrati, maschiacci asessuati perennemente in lotta per un nulla ideologico che sa tanto di frattaglia sessantottina. Perché le femmine invero sono sole, allo stesso modo dei maschi, nonostante tutto questo contesto di milioni di follower e di ipocriti strombazzamenti mediatici di emancipazione (mi chiedo rispetto a cosa, dato che nell'oggidì l'uomo sulla ventina/trentina non conta più nulla ed è nella maggiorparte dei casi sia economicamente che sessualmente debole). 

Per concludere, ricordiamoci sempre che la "bellezza" propagandata da televisione e social, ormai unico valore fondante della società liquida delle fotografie online (secondo me la "bellezza" oggigiorno vale più del denaro), oltre a essere soggettiva, è anche impermanente. E presa di per sé, non vuol dire nulla, così come il sesso occasionale. Così come tutto. Sta a noi dare un senso a una vita, nonché a un periodo storico in cui certamente si è più soli e frustrati che mai.

Con questo commento delosante, apparso sul mio (smorto) canale Youtube, chiudo il post. "Almeno tu hai avuto una fidanzata. Il resto di noi sono adulti vergini che non hanno mai provato nulla".  
In questa frase, c'è tutta la (non) storia del nostro tempo.

62 commenti:

  1. Anche la "bellezza" non è che un favore che lo spirito umano fa alla materia, cogliendone (in tutti i sensi) appunto la "bellezza". :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fin fine l'esistente è composto da interscambi energetici, che prendono forma nel contatto con i nostri sensi (Kant).

      E quindi no, la bellezza non è oggettiva, e neanche necessaria per la natura. In fondo anche la fighetta tanto ambita è per la maggiorparte un apparato digerente pieno di merda no? Quindi è il caso di passare oltre, è il caso di iniziare a guardare allo Spirito.

      Elimina
    2. Ottimo articolo, come sempre!

      Un piccolo appunto se mi permetti: in natura esiste un fenomeno chiamato Selezione Sessuale (inizialmente teorizzato inizialmente dallo stesso Darwin qualche tempo dopo le sue prime scoperte), che identifica, all'interno del classico ciclo darwiniano (selezione naturale/riproduzione/ricombinazione/mutazione), lo sviluppo ed il mantenimento di alcuni tratti che sono volti solo ed unicamente volti ad attirare il partner e quindi a riprodursi. Un esempio sono la coda e le piume del pavone. Questo aspetto è interessante perché questi tratti non hanno un secondo utilizzo, e anzi spesso sono dei veri handicap (più difficile muoversi, più visibili ai predatori, ecc) ma vengono comunque premiati dal ciclo evolutivo in quanto massimizzano le probabilità di riproduzione. Questi tratti spesso riportano alcune delle caratteristiche che noi associamo al concetto di bellezza, cioè armonia, simmetria, vivacità dei colori, ecc.

      Ti lascio un bellissimo video della stupefacente danza dell'"Uccello del Paradiso"! (inevitabile per noi "nerd", al sol sentire questo nome, non pensare alla carta fantastica carta di Magic :D )

      https://www.youtube.com/watch?v=rX40mBb8bkU

      Saluti! :)

      Elimina
    3. Ciao Federico. Verissimo il tuo appunto, ma penso che in questo caso si parli di Darwinismo sociale: ossia è la società dei consumi di massa informatizzata che stabilisce chi è degno di accoppiarsi e chi no. :)

      Poi credo che la coscienza, se ben allenata, possa intravedere i meccanicismi della natura e cercare di ridurre la sofferenza/frustrazione che da essi derivano. LA natura, ossia nome femminile. Madre Terra, Dea Lunare etc. Ma anche Impermanenza è un nome femminile. Ad ognuno le sue conclusioni :)

      Elimina
    4. Eh sì, la natura è essa stessa cambiamento continuo: bisogna accettarlo, se si vuole vivere in pace con sé stessi e col mondo.

      Saluti! :)

      Elimina
    5. Verissimo. Ma forse per noi uomini è più difficile accettare LA impermanenza. O almeno per me, che vorrei lasciare qualcosa, o che almeno ciò che ho fatto di buono in vita mia (poca roba) in qualche modo rimanga negli altri.

      Ma questo bisogno in fondo è innescato dall'intelletto, che è un nome maschile, contrariamente a morte, che è un nome femminile. Proprio come impermanenza. :)

      Elimina
    6. Ti capisco benissimo, perché anch'io sento da sempre la stessa esigenza, che con gli anni anzi si fà più pressante. E no, non credo sia vanità, come disse poi la religione cristiana (che non poteva fare altrimenti visto che rimanda tutto ad una "altra" vita dopo la morte), ma un bisogno insito nella natura stessa umana e del tutto legittimo.

      Gli antichi greci si erano posti gli stessi dilemmi, e avevano trovato (dapprima) la loro "soluzione" nelle "Polis", questi luoghi meravigliosi dove i cittadini, tutti aventi eguale dignità l'uno di fronte all'altro, potevano "fare grandi discorsi e compiere grandi gesta". L'"azione", come la intende Hannah Arendt, cioè azione politica, attivismo, discorso, è in questo senso possibile solo grazie e in funzione delle altre persone, a differenza della contemplazione, che seppur meravigliosa è una operazione perlopiù solitaria (Socrate e seguaci).

      Vista sotto quest'ottica, anche la voglia di attivismo di questa "generation Z" mi sembra perlomeno comprensibile, sia che parti da presupposti positivi (ambientalismo), che da presupposti negativi (complottismo).

      Saluti! :)

      Elimina
    7. Gran bei commenti. Peccato che questa tendenza alle grandi narrazioni (tipo la Polis Greca o la ricerca di senso mediante attivismi vari) oggi sia perlopiù simulacrizzata.

      Elimina
    8. Sicuramente l'umanità ha già compiuto vari "cicli di civiltà", un cui l'uomo scopre, spacca e poi cerca di ricomporre lo Specchio di Dioniso. "Misticamente parlando" (questo è per te, Francesco), la Scala di Giacobbe è invero una sorta di altalena che non può raggiungere vetta divina alcuna. Questo perché la natura umana, quella natura imperfetta di un essere mortale ma pensante, conscio della sua mortalità ma incapace di concettualizzare l'infinito che essa prelude per opposizione, non cambia. Indi l'uomo è destinato a conquistare il volo, cadere malamente nella barbarie, rieducarsi da zero, riconquistare il volo, ricadere malamente nella barbarie, e così ad libitum. E anche comprendere questo moto armonico non cambia di una virgola il destino del singolo, o della specie. Credo che anche il transumanesimo sia una "grande narrazione" già nata come simulacro, qui nelle lande desolate di cui T.S.Eliot. Meglio vivere con la mesta cognizione di Pascal. Anche la "consolazione della filosofia" è un raffinato inganno. :-)

      Elimina
    9. Gran commento direi. L'unica cosa che trascuri secondo me è la tecnica, che sicuramente negli ultimi 2 secoli ha avuto un boom notevole e impensabile nei cicli del passato. La Storia è finita con la bomba atomica no? E forse i social, in prima istanza internet, sono cose dalla portata quasi pari al Little Boy, no?

      Infatti non è mai esistita una postmodernità egizia o greca. Forse romana, ma non credo molto nel paragone.

      Elimina
    10. Certo. Solo però, la tecnica e le tecnologia non sono immanenti all'uomo, ovvero non ne cambiano l'intima natura, ne modificano l'evoluzione psicologica, sociologica, ma non il "destino naturale". In questo senso, cambia l'altalena del moto armonico tra barbarie e elevazione, cambiano modi e stili, non la sostanza. Forse la sinusoide amplifica man mano la sua ampiezza, fino all'estinzione. a del resto, in natura ogni realtà è invero un frattale, e Goku che non s'accorge di correre sulla mano del Buddha ha anche lui le sue manine, su cui corrono insettini con le loro zampette. Nella grande figura, anche quella dell'esistenza umana non è che resa tutta una breve parentesi, no? Nel nostro piccolissimo, stiamo sempre osservando un singolo ramo di parabola come fosse un assoluto, ma non lo è.

      Elimina
    11. "Il punto finale dell'evoluzione è l'autoestinzione". Lilliputian Hitcher.

      Ci siamo quasi comunque, non ci saranno più molti cicli, se vogliamo dare per buona questa metalettura.

      Elimina
    12. Vero, vero. Ma è anche vero che è nella natura umana percepire drammaticamente la propria miseria, in ogni epoca, col sentirsi sempre "proprio ora veramente" prossimi alla fine. Quante annunciate fini del mondo sono già state scongiurate nella storia? Alla fin fine anche quella è una forma di protagonismo vittimistico da mela marcia, se ci pensi.

      Elimina
    13. Più che fine del mondo, fine della Storia.

      Elimina
    14. Lo scomunicato19 gennaio 2021 03:40

      Ma tanto un uomo e sempre un uomo. Con i suoi affetti, la sua vita, i suoi momenti quotidiani. In una baracca o in castello, in miseria o in ricchezza, in amore o in solitudine.

      E ovvio che chi veda la fine di un epoca la percepisca come un qualcosa che finisca.

      Con i social giustamente sta finendo tutto il vecchio mondo in un certo senso.

      Voler avere uno sguardo assoluto e ultra umano e in realta più di tutto una forma di escapismo. Un modo per sentirsi meno umani, per sentire meno l'incedere degli eventuali eventi avversi.
      Nulla di nuovo, gli ascetismi ci sono da quando c'è l'uomo. Tipicamente proprio in quelle epoche e luoghi in cui le istanze di felicità umana individuale venivano più calpestate. I monaci nel medioevo, le varie forme ascetiche dell'India.

      Elimina
    15. Questo commento lo trovo molto intelligente, infatti NoFap sembra quasi una sorta di ascetismo moderno.

      Però secondo me un minimo di umanesimo ci vuole, altrimenti si conduce una vita da animali consumatori, il che non è proprio il massimo una volta che la coscienza di sé si triggera (sempre se ciò prima o poi accade, il che è raro).

      Elimina
    16. Bei commenti. Certo è facile e comprensibile, soprattutto di questi tempi, lasciarsi abbandonare ad una sorta di pessimismo cosmico, sottovalutando, a mio avviso, la natura "alta" dell'uomo (realizzata tra l'altro dallo strato più esterno e "nuovo" del sistema nervoso), cioè la coscienza, il libero arbitrio, la ragione. Le scienze sociali spiegano tutto? E' possibile prevedere esattamente l'agire di una persona? In ultima analisi, il mondo è deterministico? Io non credo, credo anzi che siano proprio i tratti umani sopra citati a rendere il futuro davvero "imprevedibile", a rendere l'uomo in grado di gesta uniche e straordinarie.

      Sì è vero, siamo vicini all'estinzione, probabilmente arriverà proprio dalla crisi climatica, ma proprio quando l'umanità raggiunge il punto più basso viene fuori che, come si dice, "la necessità è la madre delle invenzioni".

      Certo la natura umana è duplice e ambivalente, ma questo non significa dover rifiutare una delle due parti e arrendersi a priori. Anzi penso la consapevolezza passi proprio dall'accettare entrambe le parti della natura umana (molte opere anche a noi care parlano di questo).

      Forse tutto questo è illusione? Può darsi, chi lo sa? Ma se non si crede in niente, non credo si possa aspirare a molto. E allora è certo che "non otterremo mai nulla dalla vita".

      Saluti! :)

      Elimina
    17. Occorre sempre abbassare il livelli di narcisismo di specie.

      "La fine della storia" è solo la fine di UNA storia, invero. Il fatto che sia "la nostra" non la rende poi tanto speciale.

      Allo stesso modo "la fine del mondo" è solo un mondo che finisce.

      Prendendo anche questi pensieri in logica frattale, si intende. Con Protagora, insomma.

      Elimina
    18. La tecnica (umana) ha ormai raggiunto un livello tale che è possibile, e sono stati teorizzati diversi tipping points in ambito climatico (collasso del permafrost, distruzione delle foreste pluviali) (ma prendi anche singolarità più in generale, tipo AI singularity) che causerebbero la distruzione di tutta la vita sulla terra, rendendo il pianeta terra come l'attuale venere. Questo significa, almeno per quanto ne sappiamo, cancellazione di tutta la vita conosciuta nell'universo. Certo si può sempre dire che "sicuramente" la vita sarà emersa da qualche altra parte nell'universo, ma non ne abbiamo a dire il vero nessuna certezza, solo stime di probabilità abbastanza infondate. Insomma, un atto di fede.

      Per cui (e ora il pessimista lo faccio io :D ), dopo ciò, nel caso peggiore, non è che ci sia poi molto da raccontare.

      Saluti! :)

      Elimina
    19. Raccontare è l'atto più narcisistico che esista: significa presumere di essere interessanti per altri che noi. :)

      Elimina
    20. Vero. E lo stesso si può dire delle "Storie", qualcosa di intimamente umano.

      Il mio punto è che alla fine o si crede in qualcosa, e alla base ci sarà sempre una credenza (come la giustizia) "assiomatica", cioè non dimostrabile o giustificabile, perché siamo noi ad assegnare senso alle cose in modo del tutto arbitrario, anche se questo senso è fine a sé stesso e la cui coerenza non può essere dimostrata all'interno del sistema stesso (mi ricorda Gödel, anche se da un punto di vista strettamente formale il paragone sarebbe inappropriato); oppure l'alternativa è il nichilismo più assoluto, che porta inevitabilmente all'autodistruzione.

      Mi verrebbe da dire: visto che siamo in ballo, balliamo.

      Saluti! :)

      Elimina
    21. Ovvero abbiamo i nostri cavoli da coltivare, signor Pangloss, qui nel migliore dei mondi possibili. :-)

      Elimina
  2. Anonimo (*lui*)13 gennaio 2021 21:55

    Per mia esperienza e impressione avrei qualche dubbio sui precisi limiti generazionali, ma questo è decisamente il meno. Poi posso solo ripetermi sulla precisione di questi riassunti!
    Personalmente, le figure del doomer, chad ecc.
    o assimilabili mi incuriosiscono per come li si possa riprendere/adattare con duttilità per raccontare un insieme più vasto di situazioni - sono meglio delle "maschere", volendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, queste figure sono un po' le maschere Pirandelliane dei giorni nostri. Il risultato non cambia credo.

      Elimina
    2. Anonimo (*lui*)13 gennaio 2021 23:40

      (A dire il vero pensavo alla Commedia dell'arte e alla sua evoluzione. ^^)

      Elimina
  3. "Il bello stronzo", "il candido allocco", "la stronza"... sono anche ruoli tipici della canzone popolare, volendo, che cambiano nome e aspetto, ma non sostanza, con le epoche. Forse.

    La cosa che colpisce è la grande dose di vittimismo e autocommiserazione che sempre si associa a queste forme di rifiuto della realtà o di una sua parte, spesso manifesta in forma di odio.

    RispondiElimina
  4. "vittimismo e autocommiserazione"

    Tratti infantili direi. Crescere è fare lo sforzo di limitare questi tranelli. Ma crescere non è così facile in questo (non)tempo.

    RispondiElimina
  5. "Russian Doomer Music". Lol

    https://www.youtube.com/watch?v=wcaZcbain2s&t=1669s

    RispondiElimina
  6. Ma se un bloomer invece di fare escursioni si mette a lavorare, fa il grano e si compra le mignotte? 😂

    Sempre con disillusione eh, ma a me tutta la logica Incel pare la logica dei poveracci morte di fame.

    Se hai il grano, di sicuro hai anche la figa. Poi sta alla figa valere più della mignotta^^

    Paradossalmente e sempre stato così, si può vedere anche il mondo odierno come subproletatizzazione della classe media.

    Il subproletario storicamente e incel, senza una vita amorosa e in tutti i sensi, degna.

    Questa visione e ovviamente riduttiva, ma credo sia una base di partenza.
    Nel senso anche il ricco poi può morire solo, ma insoddisfatte saranno le istanze sentimentali e sensuali più fini non quelle come dire commestibili e di prima sopravvivenza.

    Il valore sessuale di una donna spaventa solo coloro che non possono permetterselo. Come una macchina sportiva, fa sbavare soprattutto chi gira con le utilitarie e i mezzi pubblici

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le "mignotte" sono come la masturbazione, non vogliono dire nulla e infatti il Bloomer non è un Coomer (ah sì, certo, la girlfriend experience... tutte illusioni, tutte tristissime cazzate solitarie). Il Bloomer vivrà da solo la sua vita e forse, se lo vorrà, si metterà con una come lui. Altrimenti andrà bene lo stesso. Poi il discorso sui soldi lascia il tempo che trova, sopratutto in una società dell'immagine come la nostra, in cui ormai chiunque, utilizzando internet, può illudersi di essere un Dio, anche se morto di fame. E' tutto più sottile.

      Poi son d'accordissimo con questo:

      "Paradossalmente e sempre stato così, si può vedere anche il mondo odierno come subproletatizzazione della classe media."

      Questa è una conseguenza della globalizzazione, che in fondo, come dicevo nel dossier a tema, va a braccetto con '68 e postmodernità.

      Elimina
  7. A parte che in tutto il vocabolario un po' mi perdo... Se uno è stupido, e stupido. Non ha consapevolezza di niente ^^ al di là del gruppo internettoide a cui apparterebbe.

    Piuttosto la mia sensazione è che tutti quei gruppi sono formati per po' più da morti di fame, gente molto stupida.

    La masturbazione e masturbazione.

    Andare 1-2h con una prostituta e ciò.

    Trovare amiche da vedere 4-5 giorni di fila per trascorrere del tempo insieme e altro. Se paghi le trovi con niente e te le scegli...

    La studentessa brillante, la figlia del tuo prof di università, la modella schiva, quel che ti pare secondo i tuoi gusti.

    Devi sapere cercare, ora è più difficile di anni fa.

    Perche si rifugge dell'intensità del sentimento. Questo rende difficile trovare una da rendere la tua donna principale, ma anche esperienze mercenarie appaganti sono più difficili da trovare.

    Internet però permette di cercare in tutto il mondo, un volo sono poche ore e ormai si è abituato a fare certe cose anche prendendo aerei ^^

    RispondiElimina
  8. "Trovare amiche da vedere 4-5 giorni di fila per trascorrere del tempo insieme e altro. Se paghi le trovi con niente e te le scegli...

    La studentessa brillante, la figlia del tuo prof di università, la modella schiva, quel che ti pare secondo i tuoi gusti. "

    Questa è paraprostituzione.

    "Perche si rifugge dell'intensità del sentimento. "

    Questa è la vera cosa drammatica, che è indice del vuoto interiore del nostro tempo.

    RispondiElimina
  9. Sono d'accordo con te ^^

    Il problema non è come vedi che non riesci a scopare...
    Sarà paraprostitutivo, ma ci può essere affetto reale... In tutto.


    Il problema è che le dinamiche LMS sono diventate un modo per fare sesso senza comunione interiore. Così come molte altre dinamiche.

    Il problema dei Redpill però è che sono morti di fame che non hanno manco la forza economica per prendere con la forza ciò che è sempre stato preso con la forza.

    RispondiElimina
  10. "ma ci può essere affetto reale"

    Come per i cani :D

    "Il problema è che le dinamiche LMS sono diventate un modo per fare sesso senza comunione interiore. "

    Il motivo di fondo a parer mio è l'esaltazione dell'ego, l'infantilismo e la simulacrizzazione tipici dell'epoca dei consumi.

    Di base comunque, il linguaggio dei meme di cui parlo dipinge il Bloomer come uno che scopa quando ama. Poi ognuno di noi può avere vari fasi di Bloomer/Doomer/Coomer etc. Questo perché siamo umani.

    Nel mio piccolo, sono stato fortunato ad aver amato e ad essere stato amato in modo molto intenso, forse troppo. Tutto ciò rimarrà per sempre qualcosa di molto prezioso per me.

    RispondiElimina
  11. Poi oh, certo, un sentimento reale comporta anche una sofferenza reale quando si guarda l'altra faccia della emdaglia. I bambini consumistici/industrialistici vogliono bere latte caldo e zuccherato, non olio di ricino :)

    RispondiElimina
  12. Il motivo di fondo a parer mio e una cultura fondata su valori intellettuali-edonistici (il piacere, la consecutio logica alla sherlock holmes) piuttosto che sensuali (dovere, gratitudine, abnegazione, sacrificio).

    L'esistenzialismo e una dottrina francese del XX secolo, partorita da un figlio del XX secolo che da bambino sognava di vincere il nobel e affermarsi come letterato.

    RispondiElimina
  13. Cmq ho letto ora il tuo lungo post sulla modernità e la dedica finale a Vera, la tua ex?

    Io non ti conosco...

    Mi ricordo una delle mie varie amanti una volta mi disse: "sei fenomenale, sei solo troppo giovane. A 40anni cadranno tutte ai tuoi piedi, non ti rendi conto. E che sei un ragazzino esternamente"

    Quel post e stato scritto da un ragazzo intelligente. Non so se potrai trovare una nuova donna della vita, e difficile.

    Ma mi sembra inverosimile che una persona in grado di scrivere certe cose, se sfrutta al meglio e con furbizia le sue capacità, si ritrovi ad essere un incel/redpillato/la categoria da ritardato mentale che ti pare. Morto di fame, senza la forza di prendersi ogni figa che desidera con intensita, e dico ogni.

    Quindi boh tieniti in forma e non crucciarti della roba redpill, lascia perdere masturbazioni, cani, etc.

    Se trovi una che ti piace tanto offrile anche 10mila euro per venire con te, anche di più se te lo potrai permettere ^^ tanto poi è una ragazza che ti piace, stop. Lascia perdere masturbazioni, paraprostitutive e cazzi vari.


    Però ecco se hai amato una tanti anni, e le hai dedicato una cosa del genere. Boh lotta con tutte le forze prima di lasciarla sparire dalla tua vita. Tanto uno come te non lo ritrova.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Cmq ho letto ora il tuo lungo post sulla modernità e la dedica finale a Vera, la tua ex?"

      Sì, è lei. Ed è stata lei a spingermi a scrivere quel post, e in un certo senso vi ha anche contribuito attivamente.

      "Quindi boh tieniti in forma e non crucciarti della roba redpill, lascia perdere masturbazioni, cani, etc."

      Sì, certo, non ti preoccupare. Lavoro molto e ho superato da solo un periodo molto difficile. Come avrai notato dai miei scritti, sopratutto quello autobiografici, io sono sempre stato una sorta di "osservatore esterno". O almeno, ho cercato di esserlo. L'arte del distacco, sempre da esercitare.

      "Se trovi una che ti piace tanto offrile anche 10mila euro per venire con te"

      Non so se comprare persone colmerebbe eventuali vuoti. Né quanto potrebbe effettivamente valere una persona che si fa comprare. Ma ognuno misura le cose a suo modo. Quanto è solo e vuoto uno che deve pagare donne. A mio modo di veder le cose ovviamente.

      "Boh lotta con tutte le forze prima di lasciarla sparire dalla tua vita. "

      Ho fatto tutto il possibile, ma è andata.
      Ah, lei disprezzava il denaro (cosa molto più pericolosa dell'esserne assuefatti in un certo senso). Anche se tu le avessi offerto infiniti euro, non avrebbe accettato. Forse era anche per questo che l'amavo.

      Grazie per i commenti cmq :)

      Elimina
  14. Anonimo (*lui*)16 gennaio 2021 00:23

    Bah,
    se penso a qualcosa di, una volta tanto, autoironico ma ben riuscito sul tema dei rapporti sentimentali alienati mi viene in mente:
    https://www.youtube.com/watch?v=G9B3USSX32I

    Se giudichi che non c'entri nulla tira via. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sensazione che mi ha dato il video è che lui e lei si sentono talmente fighi e onnipotenti (aka God-Mode) che non riescono a comunicare, né ad avvicinarsi. Tipo campi magnetici molto intensi, e repulsivi. Poi non saprei.

      Elimina
  15. 1) Non so se comprare persone colmerebbe eventuali vuoti.

    2) Né quanto potrebbe effettivamente valere una persona che si fa comprare.

    3) Ma ognuno misura le cose a suo modo.

    4) Quanto è solo e vuoto uno che deve pagare donne.

    5) A mio modo di veder le cose ovviamente.

    ---

    6) Ah, lei disprezzava il denaro (cosa molto più pericolosa dell'esserne assuefatti in un certo senso).

    7) Anche se tu le avessi offerto infiniti euro, non avrebbe accettato.

    8) Forse era anche per questo che l'amavo.

    ---

    Facendo la sommatoria, con Göthe sono "Le affinità elettive", con le canzonette è "chi si somiglia si piglia", con Sciascia è "a ciascuno il suo".

    Credo sia sempre la stessa verità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Chi si somiglia si piglia"

      Sì, mia madre ce lo diceva spesso.

      Infatti credo che più che perseguire la paraprostituzione, sia meglio star soli fino a quando non si incontra una persona sulla nostra stessa lunghezza d'onda. Almeno ne risulterà qualcosa di reale, sopratutto nella conoscenza di sé stessi (e dei propri difetti e mancanze sopratutto). E poi sarà una storia, non una non-storia. Perché questa dinamica sociologica si riflette pure nei rapporti tra individui. Oggi ci sono molti suffissi "non" davanti alle cose.

      Elimina
  16. Le ragazze si svestono con gli sfigati, recuperano il pudore e la decenza con chi non sbava e non ha pudore a mangiare e prendere. Ahimè e sempre stato così

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non generalizziamo. Delle brave ragazze da qualche parte ci sono. Ma magari non saranno modelle, fighette della scuola o net girl.

      Elimina
  17. E proprio qui lo sbaglio...

    Ed è un peccato che tu la veda in quel modo.

    Mica tutte le modelle sono stupide oche.

    L'intelligenza e equidistribuita in modo, almeno sembra dalla scienza, attuale indipendente dalla lunghezza delle gambe, carnosita delle labbra, prosperosita del seno, lucentezza dei capelli. E soprattutto armonia della forma.

    Al più un occhio bello e vispo e spesso proprio della persona intelligente.

    RispondiElimina
  18. Forse il messaggio si è perso nell'invio. Avevo scritto che stai cadendo in un tranello tragico...

    La bellezza non correla ovviamente con l'intelletto, la tenerezza, la gentilezza e altri "valori" da "brava" ragazza.

    Piuttosto per avere uno sguardo affascinanti e dunque essere più belle spesso servono doti non solo fisiche.

    Tanto a scuola può darsi che bullizzeranno un po' anche la strafiga che poi farà la modella .... Casomai la sfottono che ha il mento come Joker, invece è la fotocopia di iris mittenaere (e da grande finirà a fare campagne pubblicitarie). ^^


    Non sai quanti amici ho visto prendere pali per questa visione molto "LMS". ..

    Pali nel senso non avere gli occhi per riconoscere ragazze sensibili e che meritavano.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Pali nel senso non avere gli occhi per riconoscere ragazze sensibili e che meritavano. "

      Certamente. Infatti io all'unviersità avrei potuto farmi volendo qualche fighetta bionda. Ma mi sono messo poi con la "brava ragazza" ( molto bella per i miei gusti certo) in qualche modo disadattata. E ho provato a farmici una vita insieme.

      Non saprei se le fighette della scuola o del liceo vengano bullizzate. Da quel che ho visto io, finché si omologavano e sceglievano un protettore tra i vari bulli della scuola, erano al sicuro.

      E diciamo che comunque una ragazza molto bella induce timore nel maschio medio rincoglionito dal porno.

      Elimina
  19. Il palo ovviamente non era di non essersi fatto la scopata. Il palo era che poi cmq sono state ragazze che hanno avuto fidanzamenti lunghi e intensi.

    Sul timore boh... Il timore lo susciti quando vuoi suscitarlo.

    Poi al liceo casomai non hai ancora imparato a truccarti, non ti va, vai in giro slavata. Sei oggettivamente una delle più fighe ma non quella la regina della scuola. Per dire un esempio.

    Casomai stai male in famiglia e ti senti cmq tutta sbagliata e a disagio. Sei quella debole e ti attaccano. Proprio tipico questo eh. Da manuale quasi.

    Casomai non ti va di metterti con il bullo, il che non vuol dire volere il rincoglionito però ^^


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma per fighetta credo di intendere quella integrata nel sistema scuola/società.

      "Casomai stai male in famiglia e ti senti cmq tutta sbagliata e a disagio. Sei quella debole e ti attaccano. Proprio tipico questo eh. Da manuale quasi."

      Sì, anche la mia ex era bella e aveva questi problemi a scuola.

      Ma in fondo metto "bellezza" tra parentesi perché è quel tipo di bellezza plastica propinata dai media.

      Nella mia esperienza liceale le fighette erano tutte vestite uguali, truccate uguali e con le guardie del corpo.

      Questo articolo cmq dice che la bilogia (se vogliamo chiamarla teoria LMS) è vera fino ad un certo punto, perché poi subentrano fattori personali e sociali. Nel momento in cui la si assolutizza, diventa più che altro una giustificazione alla propria frustrazione.

      Elimina
  20. Morto un papa, se ti dice bene se ne fa un altro ^^
    Il papà vecchio verrà poi cmq gestito come la vita dirà più opportuno ^^
    Solo se sei grande, ormai non la trovi tra i banchi di scuola... E il mondo è anche cambiato un po'. Fai i conti con questo come ritieni più opportuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La trovai su questo blog (XD). Non ero cmq in grado di avere una relazione ai tempi dei banchi di scuola direi.

      Il mondo ovviamente è sempre peggio, certo. Infatti questi post che parlano del mondo, di come è fatto, fanno sempre il botto :D

      Elimina
  21. Io leggo molto occasionalmente da anni, ero rimasto scioccato dal linguaggio... Fighetta, doomer, bloomer, chad etc. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendi quei termini come definizioni sociologiche :D

      Elimina
  22. Poi sarà che una delle mie amiche/amanti più cara e una ormai ex modella, quella con la quale la relazione e durata di più oltre alla mia ex storica

    E in generale conosco un po' quel mondo... Mi è venuto da dirti.. Ehi non è in quel modo. Non sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sta, e ti ringrazio per la precisazione.

      Intuile dire che anche se vivo nella città che dicono si beva, piena di moda e cazzate simili, quel mondo non sia proprio il mio, parlando da ex scienziato.

      Elimina
    2. Dicevano fosse "da bersi" ("...da bere"), ma lo dicevano negli '80. Come dicevamo, you're late to a (quite horrible) party. Not that the current one is any better, though. Oh well: same new, same old. :-)

      Elimina
  23. Era anche bionda ora che ci penso. Strafiga bionda in quei termini li😂😂

    RispondiElimina
  24. La situazione è tragica per entrambi, con un grosso ed enorme Ma.

    Ovvero che gli uomini sono sempre più esclusi dalle relazioni, grazie ad un libertinismo che esalta e non responsabiliza le donne, incentivando gli incontri occasionali e sminuendo le relazioni a tappabuchi del tempo libero.

    Almeno loro fino a 30-35 anni si divertono , salvo poi cercare un povero stupido che le sposi. A molti ragazzi viene negato anche questo, dato che non sono esteticamente all'altezza

    Non entro nella disamina incel, redpill perché è l'ennesimo articolo superficiale e scopiazzato. Parli di immaturità e di miglioramento senza capire che non si vuole la modella, questo è uno stereotipo. Anche la ragazza normale, e non ne faccio una colpa, ha come suo standard il modello: gli altri ragazzi non contano nulla per lei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scopiazzato da che? Nessuno aveva mai contestualizzato questo fenomeno come metastasi di un'epoca postmoderna/del consumismo di massa.

      "grazie ad un libertinismo che esalta e non responsabiliza le donne"

      E gli uomini sono responsabili, dico i vari Fabrizi Corona della situazione? O i vari repressi rabbiosi che vogliono la figa come se fosse un diritto, stile bambini piagnucoloni? Non saprei. Sono tutti ragazzini/e in cerca di giocattoli. E' questo il vero dramma della nostra epoca.

      "Anche la ragazza normale, e non ne faccio una colpa, ha come suo standard il modello"

      Non è sempre detto. Dipende da che tipo di "ragazza normale" tu stia cercando. Almeno, nella mia esperienza non è così. I cosiddetti chad ad alcune possono anche stare sui coglioni.

      Elimina
    2. "E gli uomini sono responsabili, dico i vari Fabrizi Corona della situazione? O i vari repressi rabbiosi che vogliono la figa come se fosse un diritto, stile bambini piagnucoloni? Non saprei. Sono tutti ragazzini/e in cerca di giocattoli. E' questo il vero dramma della nostra epoca."

      Si potrebbe fare lo stesso discorso per/agli otaku e alla loro "relazione" con gli oggetti/merchandise delle loro waifu/opere??

      Elimina
    3. "Si potrebbe fare lo stesso discorso per/agli otaku e alla loro "relazione" con gli oggetti/merchandise delle loro waifu/opere??"

      Sì, certo, assolutamente.

      Elimina
  25. Lo scomunicato19 gennaio 2021 09:18

    La pelle e lo specchio dei visceri, il viso lo specchio dell'anima... Forse non saranno all'altezza da ogni punto di vista 😂😜

    RispondiElimina